Master in Diritto del lavoro

Corso di Alta Formazione presso l’Università degli Studi di Milano diretto a un pubblico di laureati di varia provenienza scientifico- disciplinare: aperte le iscrizioni al Master in Diritto al Lavoro, per l’a.a. 2011/2012 alla sua ottava edizione.

Corso di Alta Formazione presso l’Università degli Studi di Milano diretto a un pubblico di laureati di varia provenienza scientifico- disciplinare: aperte le iscrizioni al Master in Diritto al Lavoro, per l’a.a. 2011/2012 alla sua ottava edizione.

Il Master garantisce un avanzato percorso formativo nell’ambito dei diversi profili dell’ordinamento giuridico inerenti al lavoro, con particolare attenzione per le implicazioni di natura economico-aziendale, ed è pertanto rivolto sia a laureati che intendano specializzarsi nelle materie lavoristiche, sia a professionisti del settore quali avvocati, consulenti del lavoro, commercialisti, sindacalisti, direttori del personale, addetti alla gestione delle risorse umane e alle relazioni industriali, funzionari pubblici.

La partecipazione al Corso offre la possibilità di svolgere un periodo di stage presso prestigiosi studi professionali, enti pubblici di settore, direzioni del personale ed uffici legali di qualificate società, associazioni e sindacatiIl Master organizza annualmente numerosi seminari e convegni di approfondimento, tenuti da docenti universitari, magistrati, direttori del personale, sindacalisti ed imprenditori di rilievo nazionale ed internazionale.

Direttore del corso, Alberto Pizzoferrato, prof. ordinario in Diritto del Lavoro.

Requisiti

I candidati dovranno essere in possesso dei requisiti di seguito elencati al momento dell’immatricolazione, ossia sino alla data del 9 dicembre 2011:

a) lauree vecchio ordinamento di area umanistica, economica o sociale

b) lauree triennali ( classi di laurea appartenenti all’area umanistica, economica e sociale. Verificare nel bando le classi di laurea)

c) lauree magistrali ( classi di laurea appartenenti all’area umanistica, economica e sociale. Verificare nel bando le classi di laurea)

Posti disponibili: 30

Scadenza: le domande dovranno essere presentate entro il giorno 11 novembre 2011.

La selezione si svolgerà il 16 novembre 2011 presso l’Aula Magna della Facoltà di Economia dell’Università di Bologna, Piazza Scaravilli 2, a partire dalle ore 10. Per ulteriori informazioni sulle modalità di iscrizione alla prova di accesso si rimanda alla lettura del bando pubblicato a fianco.

Per maggiori dettagli, visitare il sito d’ateneo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Allarme bambini e adolescenti, vittime di traumi

Next Article

Decreto del governo stabilisce i parametri di sostenbilità finanziaria degli atenei

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.