Sapienza, manager per una cultura d’impresa

Il senato accademico della Sapienza per un giorno si è tinto di rosa. Ai presidi impegnati a discutere di problemi accademici, si sono sostituite imprenditrici e dirigenti al femminile…

Il senato accademico della Sapienza per un giorno si è tinto di rosa. Ai presidi impegnati a discutere di problemi accademici,  si sono sostituite imprenditrici e dirigenti al femminile di imprese italiane, impegnate in una causa nobile: aiutare i giovani. L’occasione è venuta dall’Aidda, l’associazione di imprenditrici e donne dirigenti di azienda che ha festeggiato il suo cinquantenario con il progetto I – Dea dell’impresa.

Un concorso di idee imprenditoriali, grazie al quale i partecipanti hanno potuto cimentarsi in una loro proposta per una nuova attività e che ha visto premiati tre progetti fra i tanti presentati. L’idea, ci riferisce Laura Frati Gucci, Presidente di Aidda, “nasce dalla costatazione che i giovani versano in una condizione di enorme difficoltà, e molti ricorrono agli antidepressivi perché troppo scoraggiati, la nostra associazione con questo premio vuole dare un segnale per stimolare i giovani e la loro creatività”.

“La disoccupazione giovanile, continua la presidente Gucci, ha raggiunto un tasso altissimo e poco o nulla si fa per invertire la tendenza”. Il segnale che dà l’associazione è forte, e l’università come luogo scelto per un’iniziativa del genere è il migliore dei luoghi. Il rettore Frati (omonimo e non parente della Gucci ndr) che ha ospitato l’evento, ha subito avuto parole di elogio per l’iniziativa. Racconta con gioia che lui è un educatore e che la sua scelta di vita è quella di stare vicino ai giovani, “non ho scelto di diventare ricco, come hanno fatto altri” e che a differenza di molti dipartimenti, la presenza al femminile nel suo è sempre stata rilevante. Il magnifico ha offerto poi la disponibilità a lavorare nella stessa direzione, lanciando anche la proposta di un campionato nazionale delle idee da condividere insieme.

Grazie ai tre assegni già consegnati ai vincitori, Marzia Stano potrà mettere a punto la sua idea di “albergo d’arte” visto come luogo di aggregazione e spinta culturale; Paolo Fontana con i suoi colleghi della Bocconi potrà cimentarsi nel progetto di ristorazione equa, solidale e ad impatto zero; mentre Daniela Rinaldi, cui è andato l’assegno più sostanzioso di 6000 euro potrà lavorare al suo progetto sulle energie rinnovabili.

Appuntamento alla seconda edizione del bando che sarà lanciato sul sito dell’associazione in primavera e che offrirà nuove opportunità a tanti giovani che avranno voglia di cimentarsi con la loro creatività.

Mariano Berriola

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti vs Istituzioni?

Next Article

L'Ue rincorre l’innovazione

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.