Al bar oltre il coprifuoco multata Bebe Vio

La campionessa paralimpica ha pagato la multa e si è scusata
Bebe Vio festeggia la conquista della medaglia d’oro nel fioretto individuale, categoria B, ai Mondiali paralimpici di scherma a Fiumicino (Roma), 8 novembre 2017. ANSA/ UFFICIO STAMPA FEDERSCHERMA-AUGUSTO BIZZI +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

La campionessa paralimpica ha pagato la multa e si è scusata

La campionessa paralimpica Bebe Vio sarebbe stata multata per essersi fermata con alcuni amici all’interno di un locale, ancora aperto dopo il “coprifuoco” delle ore 18.00. L’episodio, riportato dai quotidiani veneti del gruppo Gedi, sarebbe avvenuto il 29 novembre scorso a Mogliano Veneto (Treviso), dove vive la sua famiglia.

I carabinieri, avvertiti da alcuni residenti, hanno effettuato un controllo nel locale intorno alle ore 20.00, e hanno trovato la schermitrice mentre era con alcuni amici nel locale, che a quell’ora avrebbe potuto solo effettuare servizio d’asporto a domicilio.

E’ così scattata un’ammenda di 400 euro, che è stata pagata. Il locale dovrebbe invece ricevere l’ordine di chiusura per cinque giorni. 

Poi Bebe Vio, al telefono con l’ANSA, ha ricostruito cosa è successo a Mogliano Veneto. “Ho sbagliato: sono andata in quel locale a trovare un’amica di infanzia che fa lì la cameriera e non vedevo da anni, perchè non torno mai a casa, e mi sono fermata dopo l’orario di chiusura mentre lei sparecchiava. Ma non ho bevuto, avevo la mascherina e sono rimasta li’ solo a chiacchierare, come se fosse una visita di famiglia”.

ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Olimpiadi Italiane di Informatica 2020: annunciati i vincitori nel corso della premiazione online

Next Article

Medici specializzandi, il Consiglio di Stato blocca le assegnazioni. Manfredi si scusa per il ritardo del concorso 2020

Related Posts
Leggi di più

Studenti Erasmus dormono in stazione a Ferrara, il governo spagnolo critica l’ateneo: “Doveva pensare all’accoglienza”

Non si placano le polemiche sul caso del gruppo di studenti spagnoli costretti a dormire in stazione al gelo perché impossibilitati a trovare un alloggio a Ferrara. Il ministro dell'Università iberico ha criticato l'università emiliana per la mancata accoglienza. L'ateneo però non ci sta: "Non era di nostra competenza".