AIESEC, l’employ si fa globale

aiesec-1.jpgDi nuovo a confronto. I ragazzi sono pronti a parlare di loro, a presentarsi e a conoscere alcune delle più importanti realtà aziendali internazionali. Imprenditori, manager e opinion leader si preparano invece ad illustrare le caratteristiche per entrare in azienda, le skill sulle quali non bisogna farsi trovare impreparati e le carte vincenti per trasformare una candidatura in assunzione. Una giornata quindi di scambio di esperienze, di dialogo e interazione tra gli studenti e il mondo delle aziende.
Dopo il Global Leader’s Summit dell’AIESEC, che si è tenuto il 17 febbraio a Roma, i ragazzi della più grande organizzazione mondiale di studenti universitari si spostano in Piemonte per incontrarsi e dar vita ad un nuovo evento. Il 7 maggio all’Università di Torino sarà infatti impossibile non esserci.
L’avvenimento, arrivato alla sua 4a edizione, si presenta come il più grande evento di Employer Branding e Talent Attraction. Una giornata in cui le aziende si rapporteranno con i membri delle 21 sedi di AIESEC Italia, Alumni e gli studenti delle Università di Torino. Sul tavolo confronti su tematiche rilevanti, network con prestigiose aziende partecipanti e per concludere Talent Attraction.
Inoltre si parlerà di educazione e dell’importanza della stessa come leva economica in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando al momento. Alle tavole rotonde parteciperanno studenti universitari imprese e opinionisti per uno sguardo sull’orientamento a 360 gradi.
L’appuntamento annuale si trasforma così in una grande occasione per affrontare temi quali leadership e sviluppo sostenibile. Dopo la collettività si guarderà con interesse anche al singolo e in primo piano verranno messe le skill che occorrono per il futuro professionale di tutti i ragazzi. Sempre, guardando con interesse al contesto globale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Euroma, stage anche all'estero

Next Article

Studenti aquilani: "No alla diaspora"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".