Aiesec promuove il volontariato con il progetto "Discover" in Romania

Parte il progetto di volontariato a Costanta, Romania, dal 10 Gennaio al 22 Febbraio, per contribuire al raggiungimento dell’Obiettivo educativo di Sviluppo Sostenibile.                                                                                                                

Dal 10 Gennaio al 22 Febbraio, AIESEC ti dà l’opportunità di prendere parte al progetto di volontariato “Discover”, nella città di Costanta, Romania, con lo scopo di ampliare il tradizionale sistema educativo, fornendo a studenti della scuola primaria e secondaria competenze trasversali, nuovi modi per ispirare gli altri e un maggiore senso di appartenenza per poter cambiare concretamente le cose nella loro realtà locale.
AIESECè il network internazionale di giovani più grande al mondo, presente in più di 120 Paesi e Territori. L’ obiettivo principale è quello di sviluppare una leadership consapevole nei giovani tramite esperienze di volontariato e tirocinio all’estero. Dal 2015, inoltre, AIESEC collabora con le Nazioni Unite per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibiledell’agenda 2030: ogni progetto è connesso ad una specifica problematica e permette ai ragazzi di agire, tramite piccole azioni quotidiane, alla risoluzione e sensibilizzazione di questo obiettivo.
La principale attività svolta dal volontario sarà preparare lezioni all’interno di classi di studenti e prendere parte ad eventi organizzati dai membri del comitato locale di AIESEC.
Il processo di selezione consiste nel compilare un form all’interno del quale il candidato potrà presentarsi e motivare la scelta del progetto. La quota associativa per partecipare al programma Global Volunteer è di 300 euro. L’alloggio e un pasto al giorno sono inclusi nella quota di partecipazione.
Scadenza candidature: 30 Dicembre 2018
Per candidarsi al progetto visitare il sito aiesec.org.
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torna OrientaSud, il Salone delle opportunità per i giovani del Mezzogiorno

Next Article

DOTTORI DI RICERCA, DOPO UN ANNO OTTO SU DIECI LAVORANO. MA IL MERCATO DEL LAVORO NON LI VALORIZZA

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.