Agenzia Spaziale Italiana, dopo Saggese il ministro Carrozza nonima il nuovo Commissario straordinario: è Aldo Sandulli

saggese
Enrico Saggese

 

Dopo le dimissioni di Enrico Saggese l’Agenzia Spaziale Italiana ha un nuovo Commissario straordinario.Su proposta del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, il Professor Aldo Sandulli è stato nominato Commissario straordinario dell’Agenzia spaziale italiana (Asi). La nomina di un Commissario si è resa necessaria in seguito alle dimissioni del Presidente Enrico Saggese e di altri due dei cinque componenti del Consiglio d’amministrazione, il Cav. Vito Pertosa e l’Ing. Marco Airaghi.

Gli organi in carica dell’Agenzia spaziale italiana, salvo il Collegio dei revisori dei conti, sono dunque sciolti. Il Professor Sandulli è nominato Commissario straordinario con compiti di ordinaria e straordinaria amministrazione, fino alla data di insediamento degli organi di amministrazione dell’Agenzia medesima e comunque non oltre tre mesi dalla data di emanazione del decreto. Sandulli è professore ordinario di Diritto amministrativo presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Con un successivo provvedimento sarà avviata la procedura per la nomina del nuovo Consiglio di amministrazione.

Aldo Sandulli (1)
Aldo Sandulli
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Ecco il super-acceleratore": la sfida del Cern al Bosone

Next Article

Sondrio - Guardia di Finanza scopre diplomificio. Per ottenere la maturità, i ragazzi pagavano 8mila euro

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".