Agenti di contatto a Dublino

La società multinazionale HERTZ, con sede europea a Dublino, cerca agenti di contatto e prenotazione.

La società multinazionale HERTZ, con sede europea a Dublino, operante nel settore del noleggio auto  e alla ricerca 25 giovani da impiegare come agenti di contatto e prenotazione con contratto a tempo indeterminato o determinato presso il proprio call center di Dublino.
Le selezioni si svolgeranno a:
Roma – in collaborazione con Regione Lazio e le Province di Roma e Frosinone il 15 e 16 dicembre 2010
Sassari –  in collaborazione con la Provincia di Sassari il 17 dicembre 2010.
I candidati interessati  a partecipare potranno inviare entro e non oltre il 21 novembre 2010 un CV in lingua Inglese accedendo al seguente indirizzo
https://iejobs-hertz.icims.com/jobs/24766/job?hub=20 e contestualmente, a seconda della sede geografica prescelta per la selezione, ad uno dei due seguenti indirizzi di posta elettronica
ROMA :  [email protected]
SASSARI:  [email protected].

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Come ricordarci i nomi propri

Next Article

Economisti all'EURES

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.