Afghanistan, i Talebani ci ripensano: no alla scuola per le donne

L’agenzia di stampa francese Afp stava riprendendo il rientro a scuola delle alunne alla Zarghona High School di Kabul: poco dopo l’insegnante è entrata in aula e ha ordinato alle ragazze di tornare a casa. Soltanto un mese fa i Talebani avevano dichiarato che all’inizio dell’anno scolastico sarebbero entrati in classe ragazzi e ragazze

Il governo afghano dei Talebani ha vietato alle ragazze che dovrebbero frequentare scuole medie e superiori di andare a scuola. A dichiararlo è stato il ministero dell’istruzione all’emittente televisiva Ariana News.

Soltanto un mese fa i Talebani avevano annunciato che all’inizio dell’anno scolastico – il 21 marzo, primo giorno del nuovo anno nel calendario solare Hijri afghano – sarebbero entrati in classe ragazzi e ragazze: le nuove linee di governo permetteranno di iniziare le lezioni solo alle bambine che frequentino le classi fino alla prima media.

Talebani contro la scuola per le ragazze

Una troupe dell’agenzia di stampa francese Afp stava riprendendo il rientro a scuola delle alunne, dopo mesi di interruzione, alla Zarghona High School di Kabul: secondo fonti dell’agenzia, poco dopo l’ingresso l’insegnante è entrata in aula e ha ordinato alle ragazze di tornare a casa. Molte di loro avrebbero obbedito in lacrime.

Vietare di frequentare le scuole secondarie alle ragazze è una scelta che contraddice la linea politica governativa afghana sostenuta in questi mesi, che sembrava mirare agli aiuti e al riconoscimento politico da parte della comunità internazionale: il diritto paritetico all’educazione, per tutti, è infatti uno dei punti dirimenti della trattativa con il regime afghano.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuovi posti di lavoro ma sempre più precari: il 13,3% dei contratti dura un solo giorno

Next Article

Emergenza Ucraina, i bambini a scuola raddoppiati negli ultimi giorni. Bianchi: "Oggi sono più di 5mila ma ne arriveranno almeno 20mila"

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.