Afghanistan, attentato kamikaze in una scuola a Kabul: oltre 30 morti

L’attaco nella zona Ovest di Kabul dove vive la minoranza Hazara. Nessuna rivendicazione. Il portavoce del governo: “Crudeltà disumana”

Un nuovo attentato kamikaze a Kabul, ancora vittime gli sciiti Hazara. Un’esplosione nel centro educativo Kaaj a ovest della capitale, nella zona di Dashte Barchi, afgana ha ucciso almeno 32 persone e ferenendone almeno altre 45.

Gli studenti avevano appena sostenuto un esame universitario quando un kamikaze si sarebbe fatto esplodere all’interno dell’edificio. Molti di coloro che vivono nella zona appartengono alla minoranza sciita degli Hazara, che è stata presa di mira più volte negli anni con attacchi sanguinosi.

Talebani: “Crudeltà disumana”

Il portavoce del ministero degli interni, Abdul Nafy Takor, ha detto le squadre di sicurezza erano sul posto e che attaccare obiettivi civili “dimostra la crudeltà disumana del nemico e la mancanza di standard morali”. I talebani sono tornati al potere in Afghanistan lo scorso agosto promettendo sicurezza e stabilità, ma soprattutto nella capitale sono continuati gli attacchi dello Stato Islamico contro, gruppo fondamentalista sunnita, in particolare contro la minoranza sciita.

 Gli hazara sciiti dell’Afghanistan hanno dovuto affrontare persecuzioni per decenni, con i Talebani accusati di abusi contro il gruppo quando hanno governato dal 1996 al 2001 e di averli ripresi dopo essere saliti al potere l’anno scorso. Sono anche il bersaglio frequente degli attacchi del gruppo dello Stato Islamico, nemico dei Talebani. Entrambi li considerano eretici. Innumerevoli attacchi hanno devastato l’area, molti dei quali hanno preso di mira bambini, donne e scuole.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La "Divina" è diventata dottoressa: laurea honoris causa per Federica Pellegrini

Next Article

Prof taglia ciocca di capelli in classe a una studentessa iraniana: "Gesto molto grave"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".