Adeguamento Isee, quando arriverà il decreto ministeriale?

Università

Da molti mesi il Ministero dell’Università e della Ricerca sta riguardando l’emanazione di un Decreto Ministeriale particolarmente importante per la vita di migliaia di studentesse e studenti, ossia quello di aggiornamento in base all’annuale aumento dell’inflazione delle soglie Isee e Ispe di accesso alla borsa di studio e gli importi minimi delle borse per il 2014/15.

“Ci sembra assurdo che anche un atto di ordinaria amministrazione come quello dell’emanazione di un semplice decreto ministeriale di adeguamento – dichiara Alberto Campailla, Portavoce Nazionale di LINK – Coordinamento Universitario – diventi con questa Ministra una questione da denunciare e su cui aprire dibattito pubblico.

Il Decreto in questione assume, specie in periodi di crisi economica, una forte rilevanza per non depotenziare in generale il sistema del diritto allo studio e nello specifico pregiudicano ulteriormente le condizioni economiche di migliaia di studenti”.

La maggior parte delle regioni italiane hanno già emanato i bandi regionali per l’ottenimento di borse di studio e posti alloggio facendo purtroppo riferimento ai dati relativi all’anno passato a causa dell’inattività del MIUR su questo fronte.

“Prima di pensare e rilanciare pubblicamente grandi riforme dalla dubbia efficacia – conclude Campailla di LINK – la Ministra Giannini si preoccupi di risolvere i quotidiani problemi degli studenti borsisti del paese: l’aggiornamento in base all’inflazione delle soglie Isee e Ispe per le borsa di studio è una priorità per gli studenti per tutti gli studenti”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Intervista a Maria Chiara Carrozza: "Il modello francese non è applicabile. Con gli slogan non si va da nessuna parte"

Next Article

Vacanza? Ecco come viaggiare informati

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".