Addetto Stampa per il Comune di Foligno

Il Comune di Foligno ha indetto un concorso, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di un addetto stampa. I candidati devono essere in possesso di un diploma di Laurea di primo livello e dell’iscrizione all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, nella categoria professionisti o pubblicisti.

Il Comune di Foligno ha indetto un concorso, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di un addetto stampa.

I candidati devono essere in possesso di un diploma di Laurea di primo livello e dell’iscrizione all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, nella categoria professionisti o pubblicisti, oppure, nel solo caso di giornalisti cittadini stranieri appartenenti ad uno dei paesi dell’Unione Europea,iscrizione nell’elenco speciale.

E’ richiesto inoltre il livello base (A1) di conoscenza per la lingua straniera, così come descritto nel
Quadro comune europeo di riferimento (QCER) e, per le apparecchiature e le applicazioni informatiche, un livello di conoscenza corrispondente a quello richiesto per il conseguimento della certificazione informatica ECDL di 1° livello (core level).

Prove d’esame. Gli esami sono costituiti da due prove scritte e da una prova orale alla quale
accederanno i candidati che avranno riportato in ciascuna prova scritta una votazione di
almeno 21/30.

Prima Prova scritta consistente nella redazione di un elaborato (tema o questionario), sulle
seguenti materie:
– Elementi di diritto costituzionale ed amministrativo;
– Ordinamento delle autonomie locali;
– Elementi di legislazione sulla stampa e sull’editoria.

Seconda Prova scritta consistente nella redazione di un comunicato stampa o di un articolo su
argomento prefissato dalla Commissione.

Materie della prova orale:
– Teoria e tecnica del linguaggio giornalistico, con particolare riferimento alle pubbliche
amministrazioni;
– Elementi di legislazione sulla stampa e sull’editoria;
– Elementi di diritto penale, con particolare riferimento ai reati a mezzo stampa, al reato di
diffamazione ed ai reati contro la Pubblica Amministrazione;
– Diritto di accesso agli atti amministrativi;
– Normativa sulla tutela dei dati personali;
– Diritti, responsabilità, obblighi e doveri dei pubblici dipendenti.
– Accertamento del livello di conoscenza di una lingua straniera tra quelle ufficiali della
Unione Europea, a scelta del candidato, nonchè delle apparecchiature e delle applicazioni
informatiche più diffuse.

La domanda di partecipazione   al concorso pubblico, redatta in carta semplice, dovrà pervenire al
Comune di Foligno entro le ore 12.00 di martedì 18 ottobre 2012.

Per ogni eventuale informazione gli interessati potranno rivolgersi direttamente al Servizio
Risorse Umane del Comune di Foligno, scrivendo a [email protected]

Qui   il bando completo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Proroga rettori, il Consiglio di Stato dà ragione al ministro Profumo

Next Article

Spuntano due scheletri, uno potrebbe essere quello della Monnalisa

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.