A scuola in mimetica e con fucile. Studente scoperto dall’insegnante

la volante dei carabinieri
la volante dei carabinieri

Brescia. Si è presentato a scuola in tuta mimetica e con un fucile nascosto nella custodia di una chitarra.  E’ stata un’insegnate, durante le lezioni dell’ultimo giorno di scuola, a insospettirsi per la scatola e a scoprire l’arma. Sono stati fatti intervenire i carabinieri, che hanno la stazione a poca distanza, i quali hanno preso in consegna il fucile.

Il ragazzo, minorenne, aveva nascosto il fucile nella custodia della sua chitarra ed ha spiegato ai carabinieri di Desenzano che intendeva compiere un atto dimostrativo eventualmente verso di sé e non di volerla usare contro i compagni o gli insegnanti. Ora si trova nella caserma dei carabinieri per essere interrogato.

Sull’episodio sono stati ascoltati anche alcuni testimoni, tra i quali il preside dell’istituto, Francesco Mulas. Il fucile era di proprietà del padre, regolarmente denunciato. Una volta in aula, secondo la ricostruzione fornita dai carabinieri, il ragazzo ha mostrato l’arma ai suoi compagni. Si tratta ora di capire se il suo fosse solo un atto dimostrativo.

 

 

 

 

 

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il gatto che comunica con il linguaggio dei segni

Next Article

Calci gratis: la risposta italiana agli abbracci gratis americani

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident