A Pisa si va in bicicletta con Energy Saving

La Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa ha lanciato la proposta: ora saranno gli studenti e il personale dell’ateneo a doverla attuare. Stop alle automobili, basta con l’inquinamento, da ora solo bici e verde. Sono queste le basi del progetto “Energy Saving” lanciato dall’ateneo toscano per consumare risorse in maniera più intelligente, grazie anche a un impianto solare che sarà realizzato al Polo Sant’Anna Valdera.
Il primo passo per un utilizzo critico delle risorse energetiche è un’idea è semplice quanto efficace: il “bike sharing”. La scuola Sant’Anna ha messo a disposizione di studenti e personale d’ateneo una vasta quantità di biciclette, un mezzo che permette di ridurre – se non abolire del tutto – l’impatto ambientale degli spostamenti in città. Basta con acceleratore e freno; basta con ingenti emissioni di CO2 anche per arrivare semplicemente al supermercato a comprare il latte.
Con la bicicletta si può raggiungere ogni parte della città, senza inquinare e contribuendo ad aumentare il verde cittadino. Il progetto “Energy Saving” sta mirando a una sensibilizzazione verso tutte le tematiche ambientali e sta diffondendo una newsletter intitolata “Ecopillole” a tutte le persone che, a vario titolo, frequentano il Sant’Anna. Il fine? Diminuire i consumi e ridurre la dipendenza da fonti energetiche esterne e invasive.
Come già anticipato sopra di un’ultima importante tappa nell’agenda di Energy Saving è quella di costruire un impianto solare presso il Polo dell’ateneo a Valdera di Pontedera (Pisa) per produrre energia elettrica per l’ateneo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Best 2009 all'Alma Graduate School

Next Article

You Tube You University

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.