Il Classico non è morto

Gli iscritti al liceo classico sono in aumento e anche il numero di pubblicazioni relative a libri antichi: sono questi i dati del Miur di quest’anno che finalmente rincuorano gli amanti delle lettere e della filosofia. Spesso, infatti, la domanda che viene posta è “perché studiare lingue morte come il greco e il latino?”. Le risposte sono molteplici e Fabrizio Coscia, in una riflessione nel Il Mattino, le elenca in un bellissimo articolo sul revival umanistico. Personalmente, il motivo principale per cui è importante difendere il latino e il greco è perché costituiscono la base della nostra cultura e perché, in fondo, gli antichi si ponevano domande a cui oggi non riusciamo a trovare ancora risposta…e questo è incredibilmente affascinante in un mondo in cui tutto è risolvibile.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giochi Olimpici 2024: Parigi o Los Angeles

Next Article

La scuola digitale

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.