Napolitano: “L’occupazione giovanile al centro dell’azione politica”

Giorgio Napolitano
Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano torna sulla questione del lavoro e soprattutto della disoccupazione giovanile, sottolineando come questo tema debba essere posto “al centro dell’azione pubblica”. “Come tutti coloro che esercitano pubbliche funzioni sul territorio, voi -afferma il Capo dello Stato nella lettera inviata ai Prefetti italiani in occasione della Festa del 2 giugno- siete interpellati quotidianamente dalle ansie e dalle aspettative di persone, famiglie ed imprese in gravi difficolta’. Di questa vera e propria ‘questione sociale’, che si esprime soprattutto nella dilagante disoccupazione giovanile, bisogna farsi carico ponendola al centro dell’azione pubblica, che deve connotarsi per un impegno sempre piu’ assiduo nella ricerca di soluzioni tempestive ed efficaci alle pressanti istanze dei cittadini”

 

Total
0
Shares
1 comment
  1. sempre le stesse parole…ma sarà forse un caso che parla solo quando si tratta di fare feste?lui è colpevole quanto i politici se non peggio dello sfracello che c’è in questo paese!Napolitano sei un chiacchierone,credi nella tua posizione di essere un DIO ed avere diritto a fare e dire ciò che ti pare,senza che nessuno possa criticarti!si…le critiche che ti sono arrivate dalla rete non sono servili ad uno stato che non c’è più!per questo ti arroghi il diritto di criticare e distruggere chi si oppone alla tua indifferenza!sei VECCHIO e sei ancora li..parli di rinnovamento e sei ancora li…fatti un esame di coscienza se ce l’hai!non serve offenderti..quello che fai sarà come un boomerang che ti si scaglierà contro..è solo questione di tempo!

Lascia un commento
Previous Article

Vasco Rossi schok: "Ho pensato al suicidio. Sono stato in coma tre giorni. Mi hanno salvato i fan e Internet"

Next Article

Chi non ama lo studio fa bene a scegliere altro

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.