530 milioni dalla BEI per finanziare l'edilizia scolastica

La Bei, banca europea degli investimenti finanzia con 530 milioni di euro l’edilizia scolastica italiana

Una buona notizia per l’edilizia scolastica. Crescono di oltre il 50% i fondi della Banca europea per gli investimenti (BEI) destinati al programma del Governo per la sicurezza e l’ammodernamento delle scuole italiane.
Ai 940 milioni già destinati nel corso del 2015 si aggiungono i 530 milioni oggetto del protocollo d’intesa siglato stamani a Roma tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, il Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR) Stefania Giannini e, per la BEI, il Vice-Presidente Dario Scannapieco, oltre a Fabio Gallia, amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti (CDP), istituto incaricato di canalizzare i fondi BEI agli enti locali.
Il Protocollo è stato firmato nel corso della prima celebrazione della Giornata Nazionale per la Sicurezza nelle Scuole prevista dalla legge “Buona Scuola”.
Il finanziamento copre la ristrutturazione, la messa in sicurezza, l’adeguamento alle norme antisismiche, l’efficientamento energetico e la costruzione di nuovi edifici scolastici. Le risorse sono erogate a Comuni, Province e Città Metropolitane sulla base di graduatorie di priorità predisposte dalle Regioni.
Gli oneri di ammortamento saranno a carico dello Stato e, grazie a nuove modalità di erogazione, i beneficiari potranno utilizzare le risorse senza impatti sul proprio patto di stabilità interno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 22 novembre

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 23 novembre

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.