4 borse POLI.design

Sono disponibili 4 Borse di Studio per il nuovo corso di Alta Formazione di POLI.design – Consorzio del Politecnico di Milano in Hotel Experience Design – Lobby, LoungeBar, Wellness & Dehors – Design per l’innovazione negli spazi dell’ospitalità”.

Sono disponibili 4 Borse di Studio per il nuovo corso di Alta Formazione di POLI.design – Consorzio del Politecnico di Milano in Hotel Experience Design – Lobby, LoungeBar, Wellness & Dehors – Design per l’innovazione negli spazi dell’ospitalità”.

Il corso è dedicato all’ideazione, progettazione e arredamento degli spazi comuni degli alberghi, che oggi esprimono le tendenze più attuali del mercato dell’ospitalità. La 6a edizione del corso, di 216 ore, con project work finale ed educational tour nei più importanti spazi alberghieri di Milano, si svolge dal 19 maggio al 1° luglio 2011
a POLI.design – Politecnico di Milano (Campus Bovisa).

Programma e calendario su www.hotelexperiencedesign.it

Termine per richiedere le Borse di Studio: 13 maggio 2011.

A carico dei progettisti selezionati la sola quota d’iscrizione di € 1.000 + IVA. I partecipanti riceveranno un attestato di POLI.design – Consorzio del Politecnico di Milano.

Per richiedere le Borse di Studio: inviare il CV, indicando il corso prescelto e citando “CORRIERE UNIV” a:

POLI.design, Daiana Bossi [email protected]
Tel. 02 23997275

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Di Monda: stop alla brain drain

Next Article

I cronisti del nostro tempo

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.