Il 29 agosto nel Consiglio dei Ministri arrivano le linee guida sulla scuola

Governo-Renzi-le-consultazioni-2-giorno_h_partb

Programmi, autonomia e docenti. Renzi lo conferma in un tweet: il 29 agosto in consiglio dei ministri ci sarà la tanto attesa svolta sul mondo della scuola.  Da Forte dei Marmi, dove è in vacanza con la famiglia, il premier ha annunciato una serie di riforme su cui il governo intende lavorare dopo la pausa estiva, rassicurando anche il mondo della scuola: “Il 29 arriveranno le linee guida per la scuola. Perché tra 10 anni l’Italia sarà come la fanno oggi gli insegnanti”.

Il progetto “solido” per la scuola, come l’ha definito lo stesso ministro dell’istruzione Stefania Giannini, anticipa i tempi. La volontà del governo e del premier è quella di affrontare le tematiche più importanti prima del rientro in classe di quest’anno.

Tanti i capitoli su cui si concentrerà il provvedimento dell’esecutivo, partendo dai programmi e dalle competenze, dall’autonomia scolastica e dei docenti. I contatti tra il premier e il titolare del dicastero sull’istruzione sono aumentati in questi giorni, e non si esclude la possibilità di rilanciare l’idea di una consultazione tra insegnanti e governo, sull’onda della “Costituente della scuola” idealizzata dall’ex ministro Maria Chiara Carrozza.

A differenza degli altri anni, però, il pacchetto scuola non dovrebbe essere una misura a costo zero, ma un intervento coperto da un cospicuo stanziamento di risorse. Lo stesso Matteo Renzi,  nei giorni scorsi, ha parlato di un miliardo di euro in ballo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Più alternanza scuola lavoro: le ore in azienda passano da 100 a 200

Next Article

Vince il concorso per presidi, ma è già in pensione

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.