28 tirocini con borsa di studio dalla Crui

Sarà on line fino al 29 settembre il bando promosso dalla Scuola Superiore dell’Economia e delle Finanze e dalla Fondazione CRUI, che mette a disposizione 28 posti di tirocinio negli uffici e nei dipartimenti della Scuola.
Possono candidarsi per il bando i laureati di primo livello e i laureati e laureandi di specialistica e di vecchio ordinamento delle 41 Università che aderiscono al programma. A queste è affidata anche la fase di preselezione, seguita da un’ulteriore valutazione a cura della SSEF e dalla Fondazione CRUI.
I candidati selezionati saranno impiegati per un periodo di 6 mesi, con inizio del tirocinio previsto per il 17 novembre; a questi sarà inoltre riconosciuta una borsa di studio rapportata ai giorni di effettiva presenza.
I profili richiesti dal bando comprendono laureati e laureandi in Giurisprudenza, Economia, Scienze Politiche, Scienze della Formazione, Scienze della Comunicazione, Statistica, Matematica, Informatica e Ingegneria; 24 dei posti offerti sono per le sedi di Roma, 2 per Bari, 1 per Bologna e 1 per Milano.
Sul sito www.formazionepiu.it è possibile scaricare il bando completo, visionare gli atenei che aderiscono al programma e le modalità di candidatura.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Euroma 2: uno Store manager per il Gruppo Cinti

Next Article

Cern, non è la fine del mondo

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.