100 personalità in coro: salvate il progetto Erasmus

A rischio il progetto Erasmus: intervengono personalità da tutta Europa.

Più di 100 personalità europee del mondo dell’istruzione, dell’arte, della letteratura, dell’economia, della filosofia e dello sport hanno sottoscritto una lettera aperta ai capi di Stato e di governo dell’Unione europea a sostegno del programma Erasmus per gli scambi di studenti, attualmente a rischio. I firmatari provengono da tutti gli Stati membri dell’UE e tra essi spiccano il regista spagnolo Pedro Almodovar, il premio Nobel Christopher Pissarides e numerosi campioni olimpici. Dall’Italia hanno sottoscritto l’appello Beppe Severgnini, giornalista, opinionista e scrittore, Margherita Hack, astrofisica e divulgatrice scientifica, Federico Taddia, conduttore radiofonico e televisivo ed Elisa Di Francisca, schermitrice, medaglia d’oro alle Olimpiadi 2012. Firmando la lettera queste personalità hanno inteso rispondere alle preoccupazioni legate alla possibile drastica riduzione dei posti e delle borse di studio Erasmus a causa delle dispute sui bilanci UE 2012 e 2013.

Del nodo degli Erasmus si occuperà il prossimo numero de ‘Il Corriere dell’Università Job’, in edicola a partire da martedì prossimo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Bologna per addolcirsi un po'

Next Article

Pisa, sale la protesta a Ingegneria: "Causa collettiva per fermare i test"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.