Welcome per studenti Erasmus

La Federico II ha organizzato per martedì 21, un particolare welcome per gli studenti Erasmus del nuovo anno

La Federico II di Napoli ha organizzato per martedì 21 settembre, un particolare welcome per gli studenti Erasmus che trascorreranno in Ateneo l’anno accademico 2010/2011.
Nella Chiesa dei Santi Marcellino e Festo nel complesso di San Marcellino ad accogliere gli studenti ci saranno il Magnifico Rettore Massimo Marrelli, il prof. Salvatore Maria Aloj delegato di Ateneo alle Relazioni Internazionali,il, la prof. Laura Fucci delegata Erasmus dell’Ateneo, la prof. Annamaria Lamarra direttore del Centro Linguistico di Ateneo, il presidente del Consiglio Direttivo del Coro Polifonico di Ateneo prof. Gennaro Luongo, la responsabile dell’Ufficio Relazioni Internazionali Fernanda Nicotera e Francesco Giannattasio, responsabile del servizio di accoglienza e assistenza – Erasmuspoint.
In quest’anno accademico l’Ateneo ospiterà non solo studenti europei come di consueto, ma anche studenti provenienti dall’America Latina. Ciò è possibile grazie al programma Erasmus Mundus che ha visto la partecipazione di 16 studenti dal Brasile, Uruguay ed Argentina che frequenteranno per un periodo che va da 9 a 16 mesi corsi di studio (dalla laurea al post dottorato) offerti dalle varie facoltà dell’ateneo federiciano.
Oltre alla possibilità di conoscere dettagliatamente l’offerta formativa d’ateneo, gli studenti Erasmus riceveranno l’Erasmus kit ovvero il cofanetto contenente una breve guida all’università con tutti gli indirizzi utili e l’organizzazione dell’Ateneo, una mappa di Napoli con la dislocazione sul territorio cittadino delle diverse sedi delle facoltà e un vademecum sui passi da compiere appena arrivati in Ateneo e prima di lasciarlo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nanoparticelle anticancro: la nuova frontiera ‘teranostica’

Next Article

Anche io ho un sogno

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".