Volontariato, a Bogotà per sensibilizzare i più giovani sull'impatto climatico delle nostre azioni

Una difesa contro il cambiamento climatico che parta dalla consapevolezza di quanto il proprio modo di vivere influenzi i cambiamenti climatici. Questo l’obittivo di “Ecomundo 18.2”, il progetto di AIESEC che ha come obiettivo principale quello di portare maggiore consapevolezza riguardo alle principali problematiche collegate al cambiamento climatico all’interno della società colombiana, organizzando attività di confronto e condivisione. 
Per quanto riguarda il Target 13 “Migliorare l’istruzione, la sensibilizzazione e la capacità umana e istituzionale riguardo ai cambiamenti climatici in materia di mitigazione, adattamento, riduzione dell’impatto e di allerta precoce” il Governo ha dato ampia rassicurazione sulla diffusione delle conoscenze climatiche che passerà attraverso un accordo operativo tra ministero dell’Ambiente e ministero dell’Istruzione, ma al momento ancora non si rilevano cambiamenti nei programmi delle scuole superiori e delle università. Questa strategia è racchiusa nel Global Goal n.13: Lotta contro il cambiamento climatico
Il volontari interessati avranno il compito di aiutare la ONG nell’organizzazione di eventi e raccolta crowdfunding della campagna di sensibilizzazione. Il progetto, perto a giovani tra i 18 e 30, si svolgerà a Bogotà, importante meta per studenti e imprenditori, con durata dal 1 Agosto al 15 Settembre. Necessaria una buona conoscenza della lingua inglese e preferibilmente anche spagnola.
Il processo di selezione consiste nella compilazione di un breve form con conseguente colloquio via Skype nel quale il candidato potrà presentarsi e motivare la scelta di voler svolgere il progetto. Il costo di partecipazione per il programma Global Volunteer è di 300 euro. L’alloggio è incluso e garantito nella quota di partecipazione. La scadenza delle candidature è fissata al 25 Giugno 2018; per candidarsi al progetto o scoprirne di nuovi, visitare il sito aiesec.org.
Per maggiori informazioni scrivere a [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Come sopravvivere a Passau

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 31 maggio

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.