Voli, nuove garanzie per gli studenti fuori sede

Schermata 2013-03-06 a 15.16.08

Buone notizie sul fronte di diritti del passeggero per le migliaia di studenti fuori sede continuamente in viaggio su pullman di autolinee regionali.

Dal 1° marzo, infatti, è entrato in vigore un regolamento europeo che stabilisce i rimborsi in caso di ritardo, cancellazioni e incidenti fissando misure di qualità e trasparenza cui tutte le compagnie di trasporto dovranno adeguarsi.

La norma stabilisce anche diversi obblighi delle compagnie verso i passeggeri con disabilità motorie; tra questi l’assistenza specifica gratuita sia in arrivo che a bordo e il trasporto gratuito per gli accompagnatori (qualora necessario).

Il regolamento 181/2011 per  i viaggiatori delle tratte di medio-lungo raggio (percorsi di almeno 250 chilometri) prevede in particolare:

–   rimborso della metà del prezzo del biglietto in caso di ritardo alla partenza di oltre 2 ore o cancellazione della corsa (a meno di alternative fornite dalla stessa compagnia);

–   adeguata assistenza al passeggero (pasti, bevande, alloggio) nel caso di cancellazione della corsa o ritardo superiore ai 90 minuti;

–   rimborso o assegnazione di alternativa in caso di overbooking;

–   diritto all’informazione in caso di cancellazione o ritardo previsto in partenza;

–   risarcimento del passeggero in caso di incidenti o danneggiamento bagaglio.

Per tutti quei passeggeri impossibilitati per varie ragioni ad usufruire di aerei e treni adesso c’è almeno un regolamento europeo cui poter fare riferimento nei trasporti su gomma.

 

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#succedesolonellamiascuola, il racconto della scuola italiana dalla parte degli studenti

Next Article

British Airways cerca laureati

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".