Viedo – Renzi spiega La Buona Scuola e apre al dialogo: "Parliamone, ma no ai boicottaggi"

Lavagna scura, gessetti colorati, toni concilianti: un semplice maestro di scuola superiore? No, è il premier Matteo Renzi che, in una lunga clip pubblicata sul canale Youtube di Palazzo Chigi, spiega la posizione del Governo in merito alla discussione scatenata sull’approvazione del DDL La Buona Scuola.
“Sono contento che l’istruzione sia ritornata al centro del dibattito pubblico”, afferma il presidente del Consiglio, che poi apre alla discussione con docenti e sindacati di settore: “Noi proponiamo una riforma, ma non chiamiamola riforma, alcuni punti concreti, puntuali e specifici di cui vorrei discutere insieme a voi, per capire dove siamo d’accordo e se ci piacciono o no”. “Il nostro progetto non è ‘prendere o lasciare’ e siamo pronti a discutere – aggiunge Renzi – Ma facciamolo nel merito, senza la paura di cambiare. La Buona Scuola non la inventa il Governo: la buona scuola c’è già. Siete voi. O meglio: siete molti tra voi, non tutti voi”.
Il video, della durata complessiva di 18 minuti, è diviso in nove parti: si va dalla presentazione generale del DDL alla questione della retribuzione degli insegnanti, dal rilancio della cultura umanistica al nodo fondamentale dell’autonomia.
Un segno d’apertura al confronto, così come richiesto dal mondo della scuola nelle scorse settimane, cariche di proteste confluite nella grande manifestazione nazionale dello scorso 5 maggio, ma a solo a certe condizioni: “Sì al dialogo, ma no al boicottaggio – afferma Renzi nel video, e poi aggiunge commentando la minaccia degli insegnanti di far saltare gli scrutini di fine anno – Quando si chiede ai ragazzi di boicottare le prove Invalsi o si minaccia il blocco degli scrutini, non si sta facendo un servizio alla scuola o a quei ragazzi. Io vi chiedo: discutiamone, parliamone, ma facciamolo sulle cose concrete, non sugli slogan ideologici”.
Ecco qui sotto il video integrale in cui il premier Matteo Renzi spiega il progetto de La Buona Scuola

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Incontro governo-studenti. L'UDS: "Una presa in giro"

Next Article

Anche l'Alma Mater tra i 10 Campus più belli al mondo

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.