Valore legale del titolo di studio, l’Udu contro la consultazione on line

Da giovedì il ministero aprirà una consultazione on-line sul proprio sito per chiedere agli italiani cosa pensano circa l’abolizione del valore legale del titolo di studio

«Contrarissimi nel merito e perplessi sul metodo»

*Unione degli studenti universitari

Da giovedì il ministero aprirà una consultazione on-line sul proprio sito per chiedere agli italiani cosa pensano circa l’abolizione del valore legale del titolo di studio. La consultazione durerà un mese e terminerà il 24 aprile. Da giovedì il sito del ministero avrà un banner in basso a destra dove si accederà al questionario on-line, con la schermata iniziale nella quale saranno elencati i dettagli tecnici e gli obiettivi del nuovo strumento messo in campo dal Ministro Profumo. Ecco la novità dell’ultima ora del Ministro Profumo, un blitz in piena regola.

Per partecipare sarà richiesto il proprio codice fiscale e un indirizzo email al quale arriverà la password per accedere alle domande; si potrà quindi accedere all’area riservata dove, suddivise in 6 argomenti, ci saranno una quindicina di domande che sviscereranno il più possibile la complessa tematica in questione che ha diviso il Paese negli scorsi mesi.

Il questionario sarà anonimo ma i dati potranno essere usati dal ministero per tracciare i profili delle persone che accederanno alla consultazione per valutarne poi il successo e il valore statistico. Alla fine del questionario ci saranno poi 3 domande per poter registrare il feedback del compilatore rispetto allo strumento usato. Durante le varie domande del questionario si potranno avere approfondimenti circa le tematiche toccate dalle domande per comprenderne meglio lessico ed indirizzo

I dubbi però non tardano ad arrivare. Michele Orezzi Coordinatore Nazionale dell’Unione degli Universitari commenta così l’iniziativa: «Siamo molto preoccupati: se da un lato apprezziamo la volontà del Ministro di ricercare un parere dal basso usando un nuovo strumento, siamo molto scettici sull’impostazione nel metodo usato. L’abolizione del valore legale del titolo di studio è un tema complesso e non di immediata comprensione, ma soprattutto ciò che più conta è che le conseguenze possono essere veramente devastanti. La consultazione on-line poteva essere uno strumento innovativo e positivo sotto alcuni aspetti ma con questa impostazione sta partendo decisamente con un passo falso a causa dell’eccessiva fretta e della mancata comprensione dell’importanza della discussione. Non possiamo pensare che l’opinione di una persona sull’abolizione del valore legale, che comunque la si veda avrà conseguenze enormi sul sistema universitario italiano, sia esaurita in un click davanti ad uno schermo. La pratica della consultazione diretta è ottima, ma non può eludere un confronto. Vogliamo poi ricordare che l’Italia è ancora oggi nel Paese europeo dove è meno radicata la banda larga: forse sarebbe anche opportuno adeguare le infrastrutture telematiche per permettere a tutti i cittadini di accedere e partecipare ed evitare quei gap che, mai come ora, sono gap democratici. Pubblicizzeremo ovunque questo appuntamento cercando di venire incontro agli studenti per illustrare come affrontare questo test anche con un video e una guida “alla consultazione” che pubblicheremo sul nostro sito www.udu.it ».

* la lettera è siglata dall’Udu, il sindacato degli studenti universitari

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

On line la lista dei professori universitari ebrei. Firenze condanna il gesto

Next Article

Marrelli: l'Università è legalità

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".