Uno stagista nelle Risorse Umane, a Milano

Nuove Frontiere Lavoro S.p.A. sta ricercando con urgenza un/una stagista in Ricerca e Selezione Risorse Umane per la filiale di Milano.
Il candidato prescelto affiancherà e supporterà il Responsabile di Ricerca e Selezione nella gestione operativa ed organizzativa, relativamente alla gestione database e registrazione dati; all’elaborazione e pubblicazione inserzioni; al recruting; allo screening dei curricula; ai colloqui di selezione; alla collaborazione nelle attività di organizzazione della Filiale.
Il candidato ideale deve essere laureato, preferibilmente in discipline umanistiche o economiche, con spiccato interesse per l’area ricerca e selezione; deve possedere doti organizzative e relazionali, dinamismo, buona padronanza dei principali strumenti informatici.
Costituiscono titolo preferenziale l’aver frequentato corsi o master nell’area delle risorse umane e l’aver effettuato stage nel settore.
Gli orari che si dovranno seguire sono: dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 18 con un’ora di pausa. Si offre ottima retribuzione e buoni pasto oltre che ottime possibilità di inserimento.
Gli interessati possono mandare il proprio curriculum all’indirizzo [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

UCBM, Fazio presenta le nuove strutture

Next Article

Ingegneri e tecnici per il gruppo Salini

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.