Università, Paleari scrive al ministro Giannini: "Dobbiamo tornare a investire sui giovani"

FFO, costi standard e quote premiali: soddisfazione per Stefano Paleari, Presidente della CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane), che in una breve lettera al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha espresso l’apprezzamento dei Rettori italiani verso le ultime azioni del Miur destinate agli Atenei. La strada è giusta, ma per rilanciare il sistema di studi superiori, suggerisce Paleari, occorre investire: in primo luogo sul capitale umano, poi sulle strutture. Di seguito l’analisi del Presidente CRUI e le sue richieste al ministro Giannini:
 
On.le Ministro,
desidero in primo luogo ringraziare lei e i suoi uffici perché, per la prima volta da molto tempo, sono noti alle Università prima della pausa estiva i valori di FFO e di turnover per l’anno in corso. Se potessimo contare ora su una programmazione triennale dei finanziamenti complessivi per il sistema, ci avvieremmo su un sentiero temporale di normalità, elemento che manca da molto alle Università italiane. Sarebbe opportuno che gli Atenei conoscessero il corridoio di finanziamento per la programmazione di medio termine.
In questo contesto, mi è obbligo segnalarle il crescente malessere del personale universitario con riferimento al tema delle progressioni stipendiali e al divario economico tra generazioni che si è venuto a creare dopo anni di blocco tanto degli stipendi quanto del turnover. Si lamenta giustamente la mancanza di equità sia con riferimento ad altre categorie pubbliche, per le quali il blocco è stato superato, sia con riferimento ai giovani, pochi e mal pagati. Gli effetti potrebbero inoltre aumentare oltremodo l’esasperazione delle disparità di genere rispetto alle quali l’università dovrebbe svolgere un ruolo di avanguardia.
Il sistema universitario in questi anni ha perso oltre  il 10% dei finanziamenti, il 15% del personale di ruolo e ha chiuso le porte ai giovani meritevoli, i quali sono costretti a trovare uno spazio fuori dal nostro Paese dopo essersi formati a spese della collettività.
Le chiediamo di inserire queste istanze tra le priorità del suo Ministero affinché lo sforzo effettuato in questi anni dalle Università per la promozione di un contesto trasparente e meritocratico, che ha visto l’affermarsi dei costi standard e della valutazione delle attività da parte dell’ANVUR, non venga vanificato e non prevalga l’attuale senso di frustrazione. Le risorse aggiuntive sono da attingere nel recupero dei tagli accumulati dal sistema nel corso degli altri anni e pari a 800 milioni di euro annui.
Certi della sua attenzione in preparazione della legge di stabilità per il prossimo anno, l’occasione mi è gradita per salutarla molto cordialmente.
 
Stefano Paleari

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Edilizia scolastica, si fa sul serio: firmato protocollo da 940 mln di euro

Next Article

CRUI: "Crediamo nel sistema di valutazione della ricerca, ma ci sono aspetti da migliorare"

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".