Università, il ministro ha accettato le dimissioni del Rettore di Catania

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha ricevuto le dimissioni del professor Francesco Basile dalla carica di Rettore dell’Università di Catania e ha firmato il relativo decreto di accettazione. I competenti organi accademici avvieranno subito le procedure per l’elezione del nuovo Rettore dell’Università di Catania.
“È importante che su questa vicenda si faccia chiarezza quanto prima – dichiara il Ministro Bussetti -. Sono emerse condotte preoccupanti e vanno accertate anche e soprattutto a tutela del nostro sistema accademico che è di altissimo livello. Il Ministero, come già promesso, non resterà a guardare: rispetteremo ed eseguiremo le decisioni dei giudici e ci costituiremo parte civile nel futuro processo. Qualora alcuni concorsi risultassero truccati, saranno annullati. Il nostro ordinamento ha tutti gli strumenti per ripristinare la legalità violata. E allo stesso tempo pensiamo a una proposta politica e legislativa che metta in sicurezza il mondo universitario: è un settore fondamentale per la crescita del Paese”.
Come già comunicato, il MIUR ha immediatamente avviato una verifica sull’eventuale presenza all’interno delle commissioni di abilitazione scientifica nazionale – o in qualsiasi altro tipo di collaborazione istituzionale con il MIUR – di docenti universitari coinvolti nel procedimento penale. All’esito degli accertamenti saranno adottati i necessari provvedimenti di sospensione di tali collaborazioni con il personale docente coinvolto nell’inchiesta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca. Italia-Cina, dieci anni di cooperazione. Al via la call per partecipare alla Settimana dell’Innovazione 2019

Next Article

Scoperta la cura definitiva contro il virus Hiv, il risultato che accende la speranza

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.