Università, il bizzarro avviso per gli studenti «straniers» a Roma: è giallo social

Un bizzarro avviso in inglese è apparso sulla bacheca degli uffici di Economia dell’università Roma Tre. Un inglese troppo sgrammaticato per essere vero. Il messaggio è rivolto agli «straniers students», ai quali si chiede di rivolgersi ai professori dando dello «she» («Lei») per ragioni di rispetto. Si tratta di errori davvero troppo grossolani, evidenti anche a chi ha una conoscenza minima della lingua inglese. Eppure la foto è reale: quell’avviso si trova davvero su una bacheca dell’università, garantiscono gli studenti. A pubblicare l’immagine è stata la pagina “Spotted: Roma Tre – Università di Roma”, ma nel giro di poco tempo lo strano messaggio ha fatto il giro dei social.
Oltre all’aggettivo «straniers» (in luogo di «foreign»), fa sorridere il fatto che l’autore del misterioso avviso inviti gli studenti a dare del Lei ai professori, ignorando che in inglese non esiste questa italianissima forma di cortesia. Il testo è infarcito di parole inventate e regole infrante ed è leggibile a chiunque transiti davanti a quella bacheca. Sui social molti si interrogano sulla natura di questo avviso. Non si tratta di un fake, ma probabilmente dello scherzo del buontemopone di turno, che ha voluto prendere in giro un professore forse poco avvezzo alla lingua inglese. Questa, almeno, è la teoria più accreditata dagli studenti di Roma Tre.

ilmessaggero

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università telematica è un “ente di diritto pubblico”, se svolge un “pubblico servizio”. Sentenza

Next Article

Università del Crowdfunding: i 5 progetti più innovativi (tutti al femminile)

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".