Università e ICT per la disabilità

Nace il seminario Università e ICT per la disabilità, realizzato da IBM Italia con il CoRiS della Sapienza.

La cooperazione tra competenze aziendali ed accademiche si rileva ancora una volta un successo formativo e culturale che mette a disposizione di un’ampia platea di giovani, un fruttuoso connubio tra il sapere, sapere fare e il sapere essere, trinomio di competenze trasversali, essenziale al pieno sviluppo cognitivo, emotivo, comportamentale e professionale dell’individuo.

Tra le iniziative formative, frutto della collaborazione pluriennale tra IBM e Sapienza Università, vi segnaliamo il seminario Università e ICT per la disabilità, realizzato da IBM Italia con il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale (CoRiS) dell’ateneo romano.

Il seminario che si articola in sei moduli didattici, si svolgerà dal 10 ottobre al 10 dicembre 2011 e mira ad analizzare tecnologie e metodologie innovative per  superare le barriere sociali e tecnologiche rispetto al web, la cultura, l’arte e l’informazione.

Durante l’incontro di orientamento verrà presentato agli studenti interessati il percorso didattico di cultura accessibile, che sarà anche corredato da visite a centri di ausili informatici e di domotica .

Condivisione di obiettivi e di conoscenze tra azienda e università  per una tematica non ancora sufficientemente trattata negli atenei e che necessita, sia sensibilizzazione sociale che acquisto di competenze tecniche e trasversali.

Il seminario nasce in forma sperimentale come saggio di prova, confidando in una futura integrazione curriculare della tematica all’interno dei corsi universitari. I risultati delle registrazioni ad oggi, dimostrano che il primo obiettivo è stato raggiunto.

Il corso è aperto agli studenti di ogni facoltà. Per maggiori informazioni, sui singoli interventi, si consiglia di scaricare il calendario dal sito del Dipartimento Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Web Project Producer

Next Article

Gli atenei parlano inglese

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.