Università di Tor Vergata: è Giuseppe Novelli il nuovo rettore

Università di Tor Vergata

L’Università Tor Vergata di Roma ha un nuovo rettore. Si tratta di Giuseppe Novelli, ordinario di Genetica Medica del dipartimento di Biomedicina e Prevenzione, ex preside della Facoltà di Medicina.

Sarà lui, dal primo novembre, a guidare l’Ateneo fino al 2019. L’esito schiacciante della sfida a quattro, si è avuto in tarda serata grazie allo scrutinio trasmesso in streaming dall’Università. Novelli ha vinto con la maggioranza assoluta degli aventi diritto alla prima votazione, con 948 preferenze.

I suoi sfidanti erano: Massimo Andreoni, ordinario di Malattie Infettive nel dipartimento di Medicina dei Sistemi (facoltà Medicina) e attualmente vice direttore del dipartimento di Medicina dei Sistemi; Vittorio Colizzi, ordinario di Immunologia e Patologia generale nel dipartimento di Biologia (Area Scienze MFN) e direttore della cattedra Unesco Interdisciplinare di Biotecnologie; e Franco Salvatori ordinario di Geografia e direttore del dipartimento di Scienze storiche, filosofiche-sociali, dei Beni culturali e del territorio (area di Lettere e Filosofia).

“È la prima volta che si vince con un quorum così alto alla prima votazione in un Ateneo così importante, a dimostrazione che l’Università in Italia è viva e vegeta, non è in crisi. Il corpo accademico tutto si unisce attorno al rettore, a prescindere dalle provenienze e dalle facoltà. Questo è un grande risultato che mi da una grande forza per portare a termine il mio obiettivo principale: multidisciplinarietà dei saperi, nella didattica e nell’innovazione – ha commentato a caldo il neo rettore Novelli.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Italia e il Digital Divide: "Istruzione aperta per tutti i bambini"

Next Article

Torna lo Yif, la conferenza stampa in Campidoglio: "Finalmente un'opportunità concreta per i giovani"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.