Università di Napoli Federico II: concorsi per 7 assunzioni

L’Università degli Studi di Napoli Federico II (Campania) ha indetto 6 concorsi per nuove assunzioni rivolte candidati Laureati.

E’ previsto l’inserimento di 7 risorse da impiegare nell’area tecnica per le esigenze delle strutture dell’Ateneo.

I bandi di concorso scadono in data 1 Agosto 2020. Ecco tutti i dettagli sulle selezioni pubbliche, come candidarsi e i bandi da scaricare.

CONCORSI UNIVERSITÀ FEDERICO II NAPOLI

L’Università degli Studi di Napoli Federico II ha indetto 6 concorsi pubblici per l’assunzione di 7 risorse da impiegare nei seguenti profili professionali:

– n.1 risorsa Cat. D – posizione economica D1 – area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati per le esigenze del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.
Titolo di studio: Diploma di Laurea in Pianificazione Territoriale e Urbanistica; Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale; Urbanistica; Politica del Territorio oppure altri titoli indicati nel bando.

 n.1 risorsa Cat. D – posizione economica D1 –  area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati per le esigenze del Centro Servizi Metrologici e Tecnologici Avanzati (CESMA) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II (cod. rif. 2014).
Titolo di studio: Diploma di Laurea in Architettura; Ingegneria edile – Architettura; Ingegneria aerospaziale; Ingegneria biomedica; Ingegneria medica; Ingegneria chimica; Ingegneria civile; Ingegneria dei materiali; Ingegneria delle telecomunicazioni; Ingegneria edile; Ingegneria elettrica; Ingegneria elettronica; Ingegneria gestionale; Ingegneria industriale; Ingegneria informatica; Ingegneria meccanica; Ingegneria per l’ambiente e il territorio oppure altri titoli indicati nel bando.

 n.1 risorsa Cat. D – posizione economica D1 –  area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati per le esigenze del Centro Servizi Metrologici e Tecnologici Avanzati (CESMA) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II (cod. rif. 2011).
Titolo di studio: Diploma di Laurea in Ingegneria aerospaziale; Ingegneria biomedica; Ingegneria medica; Ingegneria chimica; Ingegneria civile; Ingegneria dei materiali; Ingegneria delle telecomunicazioni; Ingegneria edile; Ingegneria elettrica; Ingegneria elettronica; Ingegneria gestionale; Ingegneria industriale; Ingegneria informatica; Ingegneria meccanica; Ingegneria per l’ambiente e il territorio oppure altri titoli indicati nel bando.

– n. 1 risorsa Categoria D- posizione economica D1 – in area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati, per le esigenze del Centro di Ricerca Interdipartimentale sulla “Earth Critical Zone” per il supporto alla gestione del paesaggio e dell’agroambiente (C.R.I.S.P.) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.
Titolo di studio: Diploma di Laurea in Scienze agrarie o Scienze e Tecnologie Agrarie oppure altri titoli indicati nel bando.

– n. 1 risorsa Categoria D – posizione economica D1 – area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati, per le esigenze del Centro Interdipartimentale di Ricerca Laboratorio di Urbanistica e di Pianificazione del Territorio “Raffaele d’Ambrosio” (L.U.P.T.) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.
Titolo di studio: Diploma di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari o in Scienze e Tecnologie Agrarie oppure altri titoli indicati nel bando.

– n. 2 risorse Categoria D – posizione economica D1 – area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati, per le esigenze delle strutture dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, con approfondite competenze nell’elaborazione di testi e documenti atti ad aumentare l’attrattività degli studenti in ingresso nell’ambito dell’orientamento e dei corsi di alta formazione di Ateneo.
Si segnala la riserva di 1 posto a favore dei Volontari delle FF.AA.
Titolo di studio: Diploma di Laurea in Lettere o in Materie Letterarie o in Relazioni Pubbliche o in Scienze della Comunicazione oppure altri titoli indicati nel bando.

Maggiori informazioni sui posti riservati per ogni concorso sono specificate nei singoli bandi, pubblicati sulla GU n.55 del 17-07-2020.

REQUISITI GENERICI

Oltre ai titoli di studio sopra indicati, i candidati ai concorsi Università Federico II di Napoli dovranno possedere i requisiti generici sotto elencati al momento dell’invio delle domande:

  • cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
  • età non inferiore a 18 anni;
  • godimento dei diritti politici: non possono accedere agli impieghi coloro che siano esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non aver riportato condanne penali incompatibili con lo status di pubblico dipendente che comporterebbero l’applicazione della sanzione disciplinare del licenziamento senza preavviso;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • avere ottemperato alle leggi sul reclutamento militare, per i soli candidati di sesso maschile nati entro l’anno 1985;
  • non essere stati destituiti, dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento o dichiarati decaduti da un impiego statale o licenziati per giusta causa o giustificato motivo soggettivo dall’impiego presso una pubblica amministrazione.

SELEZIONE

I partecipanti ai concorsi Università di Napoli Federico II dovranno superare due prove d’esameuna scritta ed una orale.

Per conoscere nel dettaglio le materie d’esame per ogni posizione a concorso vi rimandiamo alla lettura dei testi integrali dei singoli bandi, sopra allegati.

DOMANDE

Per partecipare ai concorsi Università Federico II di Napoli gli interessati potranno candidarsi esclusivamente tramite procedura onlineentro il giorno 1 Agosto 2020, seguendo le indicazioni elencate nei bandi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Festival del Tempo 2020: concorsi artistici

Next Article

Il chimico Paolo Fattori agli studenti "Ricordate, la chimica è una materia che va vissuta in modo empirico!"

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"