Università? Beato chi ce l’ha!

Gli studenti del Sannio in protesta per la soppressione di Scienze Politiche

SCIENZE POLITICHE NON SI TOCCA“! Questo è stato lo slogan che ha dato voce ai duecento studenti che si sono riuniti ieri mattina presso il Polo didattico della Facoltà di Economia dell’Università degli Studi del Sannio per manifestare il dissenso dell’intero corpo studentesco sulla soppressione del corso di laurea in Scienze Politiche.
Il corso di laurea, nato attraverso una convenzione tra il Magnifico Rettore dell’Università del Sannio Filippo Bencardino e il Magnifico Rettore della Sun Francesco Rossi, era stato esaminato lo scorso 26 gennaio dal Nucleo di Valutazione dell’Ateneo che ha espresso un dato per nulla favorevole al suo mantenimento. In seguito anche il Senato Accademico ha screditato la valenza del corso ed infatti il rettore Bencardino ha fatto presente al rettore Rossi l’intenzione di sospendere la convenzione.
Corso sospeso, 130 studenti “in strada”. Immediata la risposta delle associazioni studentesche Demos, Articolo 3, Cusas, [email protected], Uning, Unisea e Zero positivo che hanno accompagnato gli studenti durante la protesta della scorsa mattina. Presenti anche i docenti tra cui il Prof. Pasquale Femia presidente del corso di laurea in Scienze Politiche che ha aperto la manifestazione con una lezione sul diritto allo studio affermando: “Conosco una sola dittatura peggiore della dittatura della maggioranza: la dittatura dell’ignoranza”. Molti i lati oscuri della vicenda: i presidenti delle associazioni studentesche hanno dichiarato che durante l’iter seguito dall’Ateneo ci sono state non poche irregolarità. Il Consiglio di Facoltà di Economia che fornisce le strutture per lo svolgimento della didattica del corso non è stato per nulla interpellato così come il Comitato di coordinamento sul corso di Scienze Politiche. Dopo circa un’ora dal raduno all’esterno del Rettorato, il Rettore ha accettato di ricevere due studenti rappresentanti di Scienze Politiche ma ha negato l’incontro con il Prof. Femia.
Giuseppe Parente, presidente di Articolo 3 ci ha raccontato: “Purtroppo non abbiamo ottenuto nulla di concreto, nemmeno la possibilità di un incontro tra il rettore e i due Presidi di Facoltà: prof. Piccinelli per la Facoltà di Studi Politici Jeann Monet e la prof. Monti per la Facoltà di Economia”.
Cosa ne sarà di questi studenti?

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli artisti di domani

Next Article

Pari opportunità a 360°

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".