Univaq, stanziati 10nlm per il 2010

crescita.jpgIl 2009 all’Aquila si chiude con una promessa concreta: lo stanziamento di specifiche risorse per iniziative a favore degli studenti. Ammonta a oltre 5 milioni di euro la somma che sarà destinata a biblioteche, laboratori, borse di studio e altre forme di sostegno al diritto allo studio. È quanto definito nel bilancio di previsione 2010 approvato dall’università aquilana. Il bilancio prevede anche un contributo di altri 5 milioni per la costruzione di nuove residenze universitarie.
“Le iniziative a favore degli studenti – ha spiegato il rettore Ferdinando Di Orio – rappresentano una scelta qualificante in un momento difficile”. La Finanziaria, secondo dati divulgati dall’ateneo ha attribuito infatti alle università statali 400 milioni di euro a parziale reintegro, per il solo 2010, del taglio di 678 milioni previsto dalla manovra dell’anno scorso. Tale assegnazione rimane ben al di sotto del fabbisogno minimo complessivo, indicato in 500 milioni. “Chiaramente – ha sottolineato il rettore – anche nell’approvazione del bilancio di previsione della nostra università dell’Aquila – abbiamo dovuto tener conto di queste difficoltà che si uniscono a quelle determinate dal sisma”.
Così l’Università dell’Aquila ha voluto ricordare la sua difficile situazione. “Con queste iniziative – si legge in una nota del rettorato – l’ateneo ha voluto lanciare un messaggio alle istituzioni nazionali e regionali a fronte di una situazione finanziaria che sarà insostenibile per tutto il sistema universitario pubblico, se il governo confermerà la linea dei tagli”. Il bilancio di previsione ha registrato il parere favorevole dei rappresentanti degli studenti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Camorra virtuale

Next Article

Esa seleziona studenti spaziali

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.