Camorra virtuale

federico-ii.gifIl Dipartimento di Filologia Moderna dell’Università degli Studi di Napoli Federico II ha dato il via alla nascita della Biblioteca digitale sulla camorra e sulla cultura della legalità.
Scopo della biblioteca è mantenere in vita tutta la storia della camorra raccolta in testi scritti secolari. Il Prof. Pasquale Sabbatino è il fondatore del progetto e deve la realizzazione ai finanziamenti del Polo di Scienze Umane e Sociali dell’Ateneo federiciano e dell’Assessorato dell’Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Campania nell’ambito del Programma “Scuole aperte”.
Compito principale della biblioteca è informatizzare tutti i testi al fine di garantirne l’integrità perenne. La sezione sul linguaggio della camorra è intitolata “Parole e gergo”, altre sezioni come “Storia della camorra”, “Repertori” arricchiranno gli archivi virtuali della biblioteca. Sezione d’avanguardia è “Immagini e musica” in cui si avranno arti figurative, cinema e canzone napoletana.
Per tutte le informazioni www.bibliocamorra.altervista.org.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ingegneri e tecnici nel settore edile

Next Article

Univaq, stanziati 10nlm per il 2010

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".