Unione degli Studenti : "150 mln alle scuole private: solo carbone per le pubbliche"

IL MIUR REGALERÀ 150 MILIONI DI EURO ALLE SCUOLE PRIVATE: SOLO CARBONE PER LE SCUOLE PUBBLICHE!

150 milioni di euro saranno i fondi regalati alle scuole private secondo il grande emendamento della Lega. In parte provengono dai tagli all’alternanza mentre nella legge di bilancio nessun capitolo di investimenti in diritto allo studio. La morte della scuola pubblica è stata sancita.

“Il MIUR si prepara al Natale ed inizia già a dare i primi regali. Oggi  con un grande emendamento della Lega si aumentano i finanziamenti alle scuole paritarie di 150 milioni di euro, sancendo definitivamente la morte della scuola pubblica” – dichiara Giulia Biazzo coordinatrice nazionale dell’Unione degli Studenti – “Solo un mese fa il Ministro dell’istruzione Bussetti dichiarava che la scuola pubblica dovesse scaldarsi con la legna che aveva, mentre ancora una volta si preferisce investire sui privati, lasciando alla scuola pubblica solo il carbone”;

“I fondi saranno ricavati in parte dai tagli sull’alternanza scuola-lavoro dell’ultima legge di bilancio che non presenta alcun capitolo di investimenti reali in diritto allo studio” – continua Giulia Biazzo – “La retorica della coperta troppo corta non sta più in piedi, questo governo ci sta prendendo in giro con la retorica  del cambiamento, ma quello che vediamo sono solo passi indietro, definanziamenti e repressione”.

“l’Italia è tra le ultime nazioni in Europa su investimenti in istruzione, con una dispersione scolastica che supera il 33% in alcune regioni. Serve ripristinare i fondi tagliati dalla Riforma Gelmini pari a 8 miliardi di euro” – conclude Giulia Biazzo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

DICIANNOVE PROGETTI PER IL PADIGLIONE ITALIA A EXPO 2020 DUBAI

Next Article

Laurea onoraria a un cane, “Ha aiutato una studentessa disabile durante il master”

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.