Unifi, prosegue lo stato di agitazione

Prosegue lo stato di agitazione all’Università di Firenze: l’assemblea generale di ateneo, che ha riunito oltre 400 persone nell’aula magna di piazza San Marco, riconferma le forme di lotta già definite la scorsa primavera da precari e ricercatori …

Prosegue lo stato di agitazione all’Università di Firenze: l’assemblea generale di ateneo, che oggi ha riunito oltre 400 persone nell’aula magna di piazza San Marco, riconferma le forme di lotta già definite la scorsa primavera da precari e ricercatori (indisponibili ad accettare incarichi di affidamento di insegnamenti), tra cui il blocco della didattica, annuncia scioperi a intermittenza da qui a dicembre, e si impegna a trovare nuove occasioni di mobilitazione anche con gli altri lavoratori della scuola.
Nel mirino dei lavoratori dell’ateneo, secondo la mozione approvata quasi all’unanimità, «i provvedimenti del governo di carattere economico e normativo che prima hanno tagliato pesantemente i bilanci degli atenei, portandoli sull’orlo del fallimento, poi hanno attaccato le condizioni economiche e di lavoro del personale contrattualizzato e non, riducendo stipendi e diritti, ed infine, nell’ambito della cosiddetta ‘riforma dell’universita», hanno azzerato l’autogoverno delle università sostituendolo con un sistema di stampo aziendalista«.
L’assemblea ha deciso inoltre di aderire alla manifestazione indetta dalla Fiom-Cgil per il 16 ottobre a Roma »per rispondere agli inqualificabili comportamenti della Fiat di Marchionne – si legge nella mozione – e delle associazioni datoriali che hanno portato alla disdetta unilaterale del contratto di lavoro, alla violazione della sentenza di un giudice ed all’ignobile ricatto perpetrato contro i lavoratori dello stabilimento di Pomigliano«.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ntv, "Italo" cerca 650 compagni di viaggio

Next Article

UDU e tasse studentesche

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.