Una Casa per la Ricerca aquilana

ricerca.jpgAncora un aiuto concreto alle popolazioni dell’Abruzzo colpite dal terremoto. Questa volta il contributo arriva dalla Fondazione Santa Lucia di Roma che ha offerto il proprio sostegno all’Università degli Studi dell’Aquila, danneggiata dal sisma, offrendo ospitalità ai ricercatori dell’ateneo che attualmente non possono continuare il loro lavoro all’interno della struttura. L’istituto romano ha messo a disposizione del rettore dell’università aquilana, Ferdinando Di Orio, i propri laboratori ed eventualmente anche degli alloggi.
La Santa Lucia fa parte della rete nazionale degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) e già da tempo ha rapporti di collaborazione con l’ateneo aquilano nel campo delle neuroscienze e nel settore della ricerca biomedica per la riabilitazione neuromotoria.
Ma le iniziative di solidarietà non terminano qui. Per portare un contributo operativo anche sul piano dell’emergenza abitativa e della ricostruzione, infatti, la Fondazione ha messo a disposizione gratuitamente il Progetto della Casa Agevole. Si tratta di un’unità abitativa sperimentale, finalizzata a un utilizzo facile e sicuro da parte di anziani, persone con disabilità, bambini piccoli, giovani coppie.
Pur nella sua compattezza (circa 60 metri quadri) la Casa Agevole dispone di ingresso, soggiorno-pranzo-cucina, due camere da letto, due bagni, vari armadi e ripostigli. Il modulo permette una completa fruizione di tutti gli ambienti anche alle persone su sedia a rotelle, rappresenta una concept house che può essere utilizzata in edifici singoli o plurifamiliari pluripiano e con varie tipologie edilizie.
La disponibilità del progetto a favore della Regione Abruzzo era stata chiesta alla Fondazione dal consigliere delegato per l’handicap del sindaco di Roma, Antonio Guidi, ed è stata prontamente accolta dalla direzione dell’istituto. Nei giorni scorsi la Fondazione Santa Lucia ha collaborato alla rete di emergenza sanitaria accogliendo un numero maggiore di pazienti bisognosi di riabilitazione neuromotoria provenienti da ospedali della Capitale, così da rendere disponibili più posti letto per casi di pronto intervento, e da strutture abruzzesi danneggiate dalle scosse telluriche.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unifi, gli studenti disertano le elezioni

Next Article

L'Aquila, tutti uniti per ripartire

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.