Un Osservatorio web a tutela dei baby avvocati

avvocati.jpgUn avvocato su tre nell’Unione Europea è italiano. Un primato che fa riflettere e che potrebbe essere il punto di partenza per riformare l’accesso alla professione. Ma intanto tra scontri e polemiche qualcosa si muove in un’altra direzione, diversa da quella del “tagliare”
Nasce infatti in questi giorni un osservatorio via web sui giovani avvocati, con l’obiettivo di analizzare la domanda e l’offerta professionale. L’iniziativa del Consiglio nazionale forense ha due scopi prioritari: raccogliere i dati sull’offerta professionale legale giovanile e analizzare il tipo di richiesta di prestazioni professionali da parte delle imprese e in particolare piccole e medie. Il tutto per comprendere le dinamiche del mercato legale e disporre di dati certi per valutare nel futuro specifiche politiche a vantaggio dei giovani legali.
«È sicuramente un’ iniziativa importante, con la quale si vuole indagare sulle modalità con cui i praticanti e i giovani avvocati articolano il loro percorso formativo, le loro scelte e le loro ragioni, nonché gli elementi di criticità, spiega Gianni D’Innella, consigliere coordinatore del Gruppo di lavoro sulla politiche giovanili del Cnf, promotore del progetto. Inoltre nell’Osservatorio – sottolinea D’Innella – verranno riversati anche i dati della ricerca rivolta al mercato (cliente-azienda), al fine di individuare con maggior precisione il modello organizzativo e le eventuali tendenze market-oriented degli studi legali.»
La ricerca, per campione, sonderà gli ambiti del praticantato (si stima che i praticanti siano circa 30mila unità) e dei giovani avvocati (il numero stimato è di circa 120mila), oltre a raccogliere dati sui bisogni di prestazioni professionali da parte delle imprese.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Casa dello Studente alla ricerca della verità

Next Article

Febbre suina, Italia in allerta

Related Posts
Leggi di più

“Il prossimo ministro dell’Istruzione? Dovrà eliminare le teorie gender dalla scuola”

La vittoria di Fratelli d'Italia e Giorgia Meloni alle elezioni di domenica scorsa spinge le forze conservatrici a chiedere un'inversione di rotta sul tema dei diritti e dell'uguaglianza sessuale a scuola. L'associazione Pro Vita chiede che il nuovo inquilino di Viale Trastevere sia contrario "a qualsiasi colonizzazione ideologica gender e Lgbtqia+".