Un francobollo e un docufilm per celebrare 75 anni della Iuc

Si è tenuta online, nell’aula multimediale della Sapienza Università di Roma, la cerimonia per l’emissione del francobollo celebrativo per il 75esimo anniversario dell’Istituzione Universitaria dei Concerti (Iuc).

Il presidente della IUC Rinaldo Gentile ha spiegato che nel 1945, dopo la Seconda guerra mondiale, un gruppo di studenti della Sapienza decise di fondare l’Istituzione per far ricominciare a girare il mondo dello spettacolo e la fruizione della cultura. E ora, dopo 75 anni, lo stesso intento spinge la stessa Istituzione a garantire e a tutelare la ripresa della normale fruizione della cultura, in un momento così difficile con la pandemia di Covid-19.

Dopo l’apposizione di un bollo figurativo del primo giorno di emissione, è stato proiettato in prima assoluta “In Ascolto”, docufilm di Benedetto Sanfilippo (prodotto da Iuc in collaborazione con il Labs – Laboratorio Audiovisivo per lo Spettacolo della Sapienza) che ripercorre i 75 anni dell’Istituzione Universitaria dei Concerti partendo dall’oggi, dalla significativa ripartenza estiva della stagione concertistica 2020 poi bruscamente interrotta dalla recrudescenza del virus, e dal concerto in onore di un suo insigne Consigliere Artistico: Ennio Morricone.

Immagini di repertorio, interviste ad abbonati storici, critici, artisti ed estratti di esecuzioni dal vivo di grandissimi musicisti. Rivivono sullo schermo i protagonisti nei decenni della storia dell’Istituzione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Azzolina incontra OMS e UNESCO in videoconferenza

Next Article

La maestra d’asilo e il video hard in rete: «La preside mi chiamò “svergognata”»

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.