Tutto quello che c'è da sapere sul Test di Medicina

Prendono il via i test per l’accesso ai corsi universitari a numero programmato a livello nazionale per l’anno accademico 2015/2016.
Sono 79.451 i candidati che a luglio si sono iscritti alle prove attraverso il portale Universitaly.it. In 60.639 hanno fatto domanda per il test di Medicina e Odontoiatria (test unico), in 10.994 per Architettura, in 7.818 per Veterinaria. Successivamente i candidati hanno dovuto confermare la loro volontà di partecipazione versando una tassa di iscrizione alle prove. I candidati che hanno ulteriormente perfezionato l’iscrizione sono 57.041 per il test di Medicina-Odontoiatria; 9.985 per Architettura; 6.716 per Veterinaria.
I posti disponibili sono: 9.530 per Medicina, 792 per Odontoiatria, 717 per Veterinaria, 7.802 per Architettura.
Anche per le prove di quest’anno restano 60 i quesiti a cui i candidati dovranno rispondere in 100 minuti, mentre la ripartizione del numero di domande per ciascun argomento è stata modificata in favore del numero dei quesiti delle materie ‘disciplinari’ con una riduzione delle domande di cultura generale e logica.
Per il test di Medicina in lingua inglese le iscrizioni a luglio sono state 3.918. La tassa d’iscrizione è stata poi versata da 3.885 candidati. I posti sono 204 per cittadini comunitari e non residenti in Italia e 101 per i non comunitari residenti all’estero.
Si comincia domani, 8 settembre, con la prova unica di Medicina e Odontoiatria. Seguiranno Veterinaria il 9, Architettura il 10, Medicina in Inglese il 16.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Rassegna stampa di lunedì 07 settembre

Next Article

Scuola, stanziati 45 mln per laboratori, innovazione e lavoro

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".