Tragedia durante vacanza studio: studente catanese muore cadendo dalla nave

studente catanese muore

Tragedia durante un viaggio di studio: uno studente catanese del liceo scientifico “Ettore Majorana”, di San Giovanni la Punta (Ct), è morto ieri sera a Barcellona in Spagna cadendo da una nave della Grimaldi Lines. Aveva solo 15 anni.

Il giovane era partito la scorsa settimana con la sua classe per lo stage “Amare leggere”, organizzato dalla Grimaldi. Ieri sera l’incidente: il ragazzo sarebbe caduto dalla nave mentre questa era ormeggiata e avrebbe perso la vita in mare.

“È stata una tragedia, siamo ancora sconvolti – racconta la preside al quotidiano Il messaggero – I ragazzi, una decina, che erano sul ponte, raccontano di un modo di scherzare andato, per così dire, un po’ oltre. Pare che Gabriele si sia messo a salterellare e poi a dare spintoni e manate ‘a caso’. Dopodiché avrebbe preso la rincorsa e si sarebbe poggiato con le mani sulla ringhiera e sbilanciandosi è caduto giù dal ponte: oltre 10 metri di altezza”.

“Una bravata finita tragicamente. Siamo tutti ancora scioccati – ha concluso la preside – e noi al pari degli studenti abbiamo anche chiesto e ricevuto un aiuto psicologico”.

Ad annunciare la notizia alla famiglia è stata la preside del liceo. Lo studente, che i docenti definiscono “un ragazzo normalissimo”, figlio unico di madre un’insegnante, frequentava la seconda classe del liceo scientifico. I genitori del giovane sono immediatamente partiti alla volta di Barcellona.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Da oggi e per tutto il 2014 gli insegnanti entrano gratis nei musei

Next Article

La classifica dei 10 libri più venduti nella Storia

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"