Traduttori al Parlamento europeo

Il Parlamento Europeo è alla costante ricerca di giovani traduttori cui offrire la possibilità di un tirocinio retribuito della durata di tre mesi. Ogni candidato deve essere cittadino di uno Stato membro dell’Unione europea o di un paese candidato all’adesione…

Il Parlamento Europeo è alla costante ricerca di giovani traduttori cui offrire la possibilità di un tirocinio retribuito della durata di tre mesi. Ogni candidato deve essere cittadino di uno Stato membro dell’Unione europea o di un paese candidato all’adesione, aver compiuto il diciottesimo anno di età all’inizio del tirocinio, non deve aver già beneficiato di un tirocinio presso un’istituzione europea, deve aver completato gli studi universitari di una durata minima di tre anni e ovviamente avere perfetta conoscenza di una delle lingue ufficiali dell’Unione europea.

Il corrispettivo mensile si aggira intorno ai 1.213 euro. E’ possibile proporre la propria candidatura dal 15 settembre al 15 febbraio. La partenza è prevista il 1° aprile 2012. Per informazioni www.europarl.europa.eu sezione “il parlamento e il cittadino”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Auchan, stage in Hr

Next Article

Le poesie di Libero de Libero

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.