Totoministri – Mauro, Lupi, Padoan: chi andrà al MIUR?

totoministri

Quanti saranno? E soprattutto chi andrà al MIUR? Nei vorticosi giorni del cambio di governo, quelli della staffetta Renzi – Letta, sono ancora tanti i dubbi da chiarire. Il sindaco di Firenze salirà questa mattina al Colle per ricevere ufficialmente l’incarico dal presidente Napolitano, ma per formare la squadra di governo ci vorrà ancora del tempo.

Lo ha confermato Alfano, leader del Nuovo CentroDestra: “Gli accordi si fanno sul programma. Onestamente non si possono trovare soluzioni ambiziose in 48 ore” – ha detto al termine delle consultazioni. Anche i cosiddetti “partitini”, intanto, alzano la posta in gioco.

E il MIUR? Maria Chiara Carrozza sarà sostituita, o verrà lasciata al suo posto? Fonti di palazzo confermano che la Carrozza, vicinissima ad Enrico Letta, sarebbe già pronta a fare le valigie da Viale Trastevere. Su Twitter impazza la discussione tra chi vorrebbe ancora l’ex rettore della Scuola di Sant’Anna al MIUR e chi, invece, è a favore di un cambio di rotta.

Sono tantissimi i nomi che circolano per il dopo-Carrozza, sintomo che c’è ancora molto lavoro da fare. Tra i papabili si citano Mario Mauro, attuale ministro della Difesa, Maurizio Lupi, attuale ministro dei Trasporti e Pier Carlo Padoan, neo presidente dell’Istat. Circola nelle ultime ore anche il nome di Stefania Giannini, esponente di Scelta Civica.  Quello dell’Istruzione, comunque, rimane un ministero di vitale importanza per un paese come il nostro. Sarà fondamentale, dunque, capire chi avrà l’onore e l’onere di guidare un sistema in difficoltà, lungo la via della ripresa.

RN

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

RAPPORTO ITALIAORIENTA - Altro che bamboccioni: gli studenti italiani vogliono lavorare in autonomia

Next Article

"L'omosessualità decisa dai geni"

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".