Toscana: il costo del pranzo si calcola col reddito

A partire dal primo aprile gli studenti toscani dovranno fare i conti con il reddito anche per mangiare alla mensa. Il costo dei pasti, infatti, anziché essere uguale per tutti (3 euro) cambierà di studente in studente in base alla fascia di reddito Isee cui si appartiene.

A partire dal primo aprile gli studenti toscani dovranno fare i conti con il reddito anche per mangiare alla mensa. Il costo dei pasti, infatti, anziché essere uguale per tutti (3 euro) cambierà di studente in studente in base alla fascia di reddito Isee cui si appartiene.

L’azienda regionale per il diritto allo Studio ha reso note le tre tariffe: 2,80 euro per Isee non superiore a 36.000 euro; 3,00 euro per Isee superiore a 36.000 e fino a 75.000; 4,00 euro per Isee superiore a 75.000 euro. La fascia di 4 euro si applicherà a tutti coloro che non presenteranno istanza di riduzione tariffaria.

Per ottenere la riduzione o continuare a pagare lo stesso prezzo gli studenti dovranno compilare una domanda on line scaricabile dal sito www.dsu.toscana.it.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Sesso, la censura di un documentario

Next Article

Mafie straniere, speciale di UniSound

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"