Toscana: il costo del pranzo si calcola col reddito

A partire dal primo aprile gli studenti toscani dovranno fare i conti con il reddito anche per mangiare alla mensa. Il costo dei pasti, infatti, anziché essere uguale per tutti (3 euro) cambierà di studente in studente in base alla fascia di reddito Isee cui si appartiene.

A partire dal primo aprile gli studenti toscani dovranno fare i conti con il reddito anche per mangiare alla mensa. Il costo dei pasti, infatti, anziché essere uguale per tutti (3 euro) cambierà di studente in studente in base alla fascia di reddito Isee cui si appartiene.

L’azienda regionale per il diritto allo Studio ha reso note le tre tariffe: 2,80 euro per Isee non superiore a 36.000 euro; 3,00 euro per Isee superiore a 36.000 e fino a 75.000; 4,00 euro per Isee superiore a 75.000 euro. La fascia di 4 euro si applicherà a tutti coloro che non presenteranno istanza di riduzione tariffaria.

Per ottenere la riduzione o continuare a pagare lo stesso prezzo gli studenti dovranno compilare una domanda on line scaricabile dal sito www.dsu.toscana.it.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Sesso, la censura di un documentario

Next Article

Mafie straniere, speciale di UniSound

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.