Torna la Notte dei Ricercatori: l'Italia è il Paese con più appuntamenti

Si terrà il 15 Settembre, alle ore 12:00, presso la Sala delle Bandiere nella sede del Parlamento Europeo in Via IV Novembre 149 a Roma, la conferenza stampa di presentazione dei progetti nazionali della Notte Europea dei Ricercatori.

Sono quattro i progetti italiani finanziati dalla Commissione Europea, con il maggiore numero di eventi sul territorio: DREAMS (Roma, Frascati, Milano, Pavia, Trieste, Bologna, Ferrara, Pisa, Cagliari, Bari), TRACKS (Alessandria, Asti, Cuneo, Torino, Verbania, Biella), PARTY DON’T STOP (Genova, Albenga, La Spezia) e SHARPER (Ancona, L’Aquila, Perugia).

La Notte Europea dei Ricercatori celebra quest’anno il decimo anniversario con una maratona di eventi in circa 300 città europee. Il nostro Paese è rappresentato dalle maggiori Università e  Centri di ricerca pubblici e privati.

notte dei ricercaori

Intervengono tra gli altri: l’Assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili, Lidia Ravera, il commissario ENEA, Federico Testa, il dott. Alberto Tozzi, Responsabile Unità di Progetto Telemedicina dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Giovanni Mazzitelli, Presidente di Frascati Scienza, oltre ai Responsabili dei 4 progetti nazionali: Francesca Spagnoli per il progetto Dreams, Leonardo Alfonsi per Sharper, Patrizia Garibaldi per Party don’t Stop e Andrea De Bortoli, per Tracks.

Modera Marco Gisotti, giornalista professionista e divulgatore.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torna a Roma lo Young International Forum, ecco come diventare volontario

Next Article

Alexi Lalas, ex calciatore si laurea dopo 26 anni: "L'impresa più difficile della mia vita"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".