Torino, in mostra i segreti del volo

simulatore-bleriot.jpgLa mostra interattiva sulla simulazione di volo aprirà i battenti domani – giovedì 30 aprile, alle ore 19 – presso le Officine Grandi Riparazioni, in Corso Castelfidardo 18 a Torino. L’esposizione dal titolo “Prova a volare – La simulazione del volo dai primi aeroplani all’esplorazione spaziale” rimarrà aperta al pubblico dal primo maggio al 14 giugno 2009, dal martedì alla domenica, nella fascia oraria 10-19.
La mostra è curata dall’Astut, Archivio Storico e Tecnologico dell’Università degli Studi di Torino, che ha avuto il merito di ritrovare e valorizzare i primi simulatori di volo della storia (come quello Blériot del 1916, nella foto), realizzati durante la Prima Guerra Mondiale, che saranno tra le principali attrazioni della mostra.
I visitatori saranno anche coinvolti in prima persona, attraverso un percorso interattivo: si potrà provare dal volo simulato in deltaplano fino alle suggestioni del volo spaziale, grazie alle postazioni PC a disposizione del pubblico dotate dei più avanzati software consumer di simulazione.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Aquila, ricostruzione "vigilata"

Next Article

Toscana, una legge per la Ricerca

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".