Texas, spari in università: due morti ed un ferito

Due persone sono morte all’interno della hall di un’Università del Texas. Ancora una sparatoria nello Stato meridionale degli Usa
Almeno due persone sono decedute per via di alcuni colpi d’arma da fuoco sparati all’interno di un dormitorio di un’Università del Texas. Uno Stato in cui gli episodi di questo tipo avvengono con una certa costanza temporale. In questo caso, il luogo della tragedia è l’A&M University-Commerce, dove gli organi decisionali, dopo gli accadimenti in questione, hanno optato per una sospensione generale delle attività studentesche.
Nello specifico, la sparatoria ha avuto luogo all’interno di una sala, ossia nella hall del Pride Rock. Una terza persona risulta essere ferita. E il bollettino dovrebbe limitarsi ai tre casi segnalati. Nel momento in cui scriviamo, non sono state rese note le generalità dei responsabili della sparatoria. Le cause, a loro volta, non sono conosciute. La dinamica andrà chiarita nel corso delle prosisme ore. A riportare la gravità e i dettagli noti dell’accadimento, stando a quanto si apprende pure dall’Adnkronos, sono state le “autorità americane”. Nel corso della serata, le forze preposte potrebbero comunicare qualche informazione in più.
Nel 2015 avevamo raccontato qualcosa di simile, che però aveva interessato un’Università di Houston. Nel 2018, poi, la sparatoria di North Harris. Le sparatorie texane continuano ad interessare le cronache internazionali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Francia, il programma delle università in lotta

Next Article

Neoassunti 2019/20, aperta la piattaforma Indire

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.