Test d'ingresso: si parte con Professioni Sanitarie

Test d’ingresso, si comincia: con Professioni Sanitarie si apre oggi la stagione del numero programmato in Italia: saranno più di 84.000 i candidati impegnati alla prova d’ammissione, che si contenderanno i 25.000 posti disponibili messi a bando dalle Università Statali.

Sono 1.000 i posti in meno rispetto all’anno passato, divisi per le 22 ramificazioni della Facoltà. A riscontrare maggiore successo tra i candidati è il corso di laurea in Infermieristica, con 15.144 posti messi a disposizione, ma si registra un boom di richieste anche per fisioterapia, logopedia e nutrizione.

Come sarà articolata la prova? 100 minuti a disposizione per rispondere a 60 quesiti: ogni risposta esatta farà guadagnare 1.5 punti, ogni risposta non data 0 punti, e ognuna errata costerà una penalità di -0.4 punti. La settimana prossima, invece, toccherà ai candidati per Medicina: la prova è in calendario martedì 8 settembre: appuntamento per 60.639 candidati per 9.513 posti disponibili.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Troppa competitività: nel Regno Unito il 15 % degli studenti di medicina ha pensato al suicidio

Next Article

Blitz alla Sapienza: le associazioni contro il numero chiuso

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".