Test di Medicina, le reazioni a freddo: “Improponibile, domande troppo lunghe”

Test di medicina

Non bastavano Don Chisciotte e l’FMI, ora spuntano le prime reazioni a freddo da parte degli studenti di tutta Italia che ieri hanno affrontato il test di medicina.

Una prima idea generale riguarda la lunghezza stessa delle domande: “Una sensazione comune è riferita al fatto che le domande erano troppo lunghe da leggere e 100 minuti non sarebbero bastati”- scrivono i ragazzi del gruppo “Testardi di Test medicina”. In molti si sono lamentati proprio su questo punto: alcuni non sono riusciti neanche a leggere tutte le domande.

Qualche altro, invece, se la prende con il ministro Carrozza: “Io vorrei invece, dato che ogni anno ci sono lamentele a non finire su ogni cosa, chiedere al ministro di eliminare questo maledetto test! Non esiste che siano 60 stupidissime domande a decidere del mio futuro!”, o ancora: “Vorrei vedere se la Carrozza sarebbe in grado di svolgere quella prova in 100 minuti”.

Ricordiamo che il punteggio si calcola aggiungendo 1,5 punti per ogni risposta corretta, zero per ogni domanda lasciata in bianco e togliendo 0,4 centesimi di punto ad ogni risposta errata.

Il punteggio massimo ottenibile è 90, vista l’abolizione del bonus maturità, che conferiva fino a 10 punti in relazione alla votazione ottenuta al diploma, stabilita ieri dal decreto firmato dal Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza e ratificato dal Consiglio dei Ministri.

Se vuoi controllare le domande ufficiali del test con tutte le risposte esatte clicca qui.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ventisei Atenei italiani nella classifica delle migliori Università al mondo

Next Article

Test d'ingresso: "Irregolarità a Firenze e Ancona, ma anche Napoli, Chieti e Pescara"

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"